La logica “illogica” della Giuria nel ciclismo ticinese. Soffrire di alessitimia non é comunque un reato!

Gambarogno, 6 maggio 2012.

Si assegna il titolo di campione ticinese ciclismo strada, categoria U17. Si corre su due prove (Mendrisio e Giro del Gambarogno) immaginiamoci che la classifica generale scaturisca dopo lo svolgimento di due tappe. Ebbene, nella prima il corridore AL non conclude la tappa, FC giunge 6.o. Nella seconda tappa AL termina 5.o mentre FC coglie il 9.o rango. La logica dice che FC, avendo concluso le due tappe é meglio piazzato che AL. Non é cosi per la Giuria! Per una ragione chimica e per un ammasso di milioni di cellule gelatinose con alcuni neuroni é AL ad imporsi ed ad indossare la maglia di campione ticinese U17. AL é certo felice di aver indossato il simbolo del titolo (maglia campione ticinese) benché gli restino nella mente qualche dubbio nel corso del viaggio per arrivare a questo obiettivo. Contrariamente, FC é stato e resterà felice per il viaggio che gli ha permesso di competere per il simbolo, sebbene negato, ma ne farà comunque tesoro per il futuro della sua carriera basandosi sulla riflessione: “avere successo o… essere di successo”.  Per la gara di Casvegno org. VC Mendrisio ha avuto le redazione di 4 classifiche dofferenti per gli U17, le versioni si sono modificate nel corso di 12 giorni post conclusione gara, un caos tremendo in fatto di professionalità della Giuria cantonale. Spiace notare come personaggi volenterosi e disponibili, sebben remunerati, cadano su compiti alquanto emplici da gestire come una gara in circuito con 15 ragazzi in gara.  

La risposta di Edy Zellweger, Giuria Cantonale:

Buongiorno Alfio. grazie dell’informazione. non sono a conoscenza delle ultime classifiche pubblicate e modificate. cercherò di verificare nei prossimi giorni. Da parte nostra , una volta terminata la gara e entro 24 ore il presidente di giuria invia a swiss cycling la classifica. Poi non centra più niente. cercherò di approfondire,
Per quanto concerne i litigi e le controversie concordo pletamente. i giovani atleti sono quelli che ci rimettono e non dovrebbero.
Purtroppo come in ogni dinamica di gruppo c’é sempre qualcuno che rema contro, per diversi motivi. peccato. Ringrazio nuovamente per l’informazione- riflessione.

saluti Edy

Annunci

One thought on “La logica “illogica” della Giuria nel ciclismo ticinese. Soffrire di alessitimia non é comunque un reato!

Add yours

  1. Alfio hai pienamente ragione vero Alessandro Leoni è stato molto bravo al Gambarogno, ma a Mendrisio i ticinesi gli ha dominati la nostra squadra e non è corretto verso Filippo che disputando due ottime gare è giunto solamente secondo mentre il Leoni che a Casvegno si è ritirato ha vinto i ticinesi pur avendolo battuto al Gambarogno di sole 4°posizioni nella classifica assoluta!
    Per me rimane una vergogna!!!! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: