Un podio, una maglia, e poi?

Darfo Boario Terme, 29 luglio 2017

Comprendere i meccanismi degli interessi che roteano attorno ai giovani talenti e promesse per il futuro non è semplice e scontato. Cosi è! I migliori ragazzi e ragazze sono sollecitati, seguiti con ossessione asfissiante e anche abusivamente da personaggi oscuri che promettono loro ogni bene senza tener conto dell’adulto allenatore che li “plasma” con cura per anni. Se poi alle lusinghe abboccano anche i genitori la frittata è fatta. Rotta l’armonia, nascono conflitti e permane l’amaro in bocca da tutte le parti coinvolte, poi perdenti, con l’atroce dubbio che sia sfuggito l’affare del secolo. La grande opportunità di incassare soldi. Si parla, si grida, si sbotta e si litiga. Sulle spalle del giovane  ricade la responsabilità della scelta corretta, ma se la scelta si rivela errata ne scaturisce un’altra, definitiva, frittata. E cosi avanti. Spuntano ex professionisti del pedale, benché in ombra per lunghi anni, nei quali il giovane è maturato con lentezza ma con certezza, ed eccolo; Lui, l’asso del passato che pretende di essere l’esperto di tutto e di tutti. Idiota opportunista, mercenario irriverente, pappone. Agli accordi trasversali e segreti si deve rispondere con fermezza, essere leali e aperti con chi è vicino, con chi si è dannato l’anima per il bene, per il tuo bene di giovane quando non eri una promessa, quando avere un pezzo di ricambio o una minima assistenza era un’operazione bramata. Con quale moneta ricambi? Con quale lealtà e riconoscimento ti muovi?

un podio, una maglia e poi?

 

 

 

Annunci

Incredibile luglio sportivo

Accade tutto fra il 16 e 30 luglio 2017. I biker del VC Monte Tamaro Filippo Colombo (U23) e Juri Zanotti (U19) si aggiudicano i rispettivi titoli nazionali nelle rispettive categorie. Daniele Zucconi, unitamente al fratello Pietro ed io stesso non stiamo più nella pelle per la gioia. Daniele, personaggio appassionato e dedito alla formazione dei ragazzi raccoglie grandi risultati. Soddisfazione ulteriormente amplificata agli europei di Darfo Boario Terme dove la staffetta elvetica nella quale vi è anche Filippo Colombo si laurea Campione Europeo mentre l’Italia con Juri Zanotti coglie la medaglia di bronzo. Incontenibile gioia per aver vissuto da vicino questo prestigioso risultato. Complimenti ai ragazzi e grazie per le ulteriori emozioni emanate a tutti noi, ai vostri genitori e a tutti i vostri già numerosi seguaci.

Losone; Amministrazione Immobiliare, meglio se chiedete a Topolino

Si trova a Losone (TI) una delle peggiori aziende di amministrazione di stabili. “Fai la scelta giusta” e “Assistenza professionale“. Sono alcuni degli slogan che appaiono sul sito. La cosa più semplice da eseguire è certamente sbandierare vetusti paroloni e frasi fatte ai quattro venti senza poi chinarsi seriamente se ciò che urli sul web corrisponda veramente alla realtà dei fatti. Quanto dichiarato è uno sperpero di competenza, un insulto alla logica, una fittizia competenza fritta in oli da scarto. Per chi la subisce, e siamo un ristretto gruppo di proprietari in PPP di Brissago, non è per nulla divertente e giungiamo alla conclusione che il personaggio di Walt Disney e compari sia in condizioni da far molto meglio, certamente non vanterebbe la superbia e la boria del personaggio che è al timone della Fxx SA. Con molta probabilità il motivo per il quale il personaggio in questione, nella parte del CHI SIAMO, non osa pubblicare la sua foto. Quando si dice “metterci la faccia”.

A segno Filippo Colombo e uno-due di Juri Zanotti.

Accade oggi 9 aprile 2017. Per il VC Monte Tamaro è una mattinata soleggiata e promettente. Al Monte Ceneri c’è Filippo Colombo che domina negli u23 mentre a Nalles il suo compagno di colori e u19 vince la 4.a prova degli Internazionali d’Italia. Crederci era  auspicabile e gratuito ma realizzare la doppietta quasi in contemporanea è successo strameritato ed appagante per i corridori e per chi li segue, complimenti “raga”. 
Il biker under23 del VC Monte Tamaro ha vinto la 5.a edizione del Tamaro Trophy, gara di apertura della stagione elvetica nel mondo della mtb ed
Il vero portafortuna? Il cappellino “retrò” di Dany
organizzata dall’omonimo velo club. Il ventenne di Bironico ha imposto il suo forsennato ritmo sin dal via trascinandosi a ruota il solo Vital Albin. Il confederato ha retto il ritmo di Colombo nel corso del primo giro dei 5 in programma poi, nella foga di resistergli è incappato in piccoli ma fatali errori concedendo spazio al più esperto Colombo. Una gara perfetta quella dall’atteso Filippo Colombo che ha concluso la prova con un margine di 51” su Albin e 1’ sul neozelandese Jack Compton. Negli under19 piazzamenti per i tamarini Riccardo Caspani 13.o e Nicola Barelli 17.o, entrambi in fase di crescita e maturazione.

Altra soddisfazione per il lecchese Juri Zanotti del VC Monte Tamaro ed il suo team manager Daniele Zucconi dall’Alto Adige. Zanotti, già a segno domenica scorsa a Montichiari ha colpino nel segno anche a Nalles vincendo nettamente la 4.a prova degli Internazionali d’Italia con 1’42” su Nicola Taffarel e 2’”21” su Alberto Brancati. Grazie a questo ulteriore successo Zanotti consolida la leadership nella combinata prevista su 5 prove confermando lo stato di grazia. Con 100 punti Juri Zanotti precede ora Zaccaria Toccoli di 30 punti, solo la matematica tiene ancora in sospeso l’esito finale in quanto una vittoria assegna 35.

È solo una questione di ……

Che sia un mix fra ambizione e determinazione? Fra umiltà ed esaltazione, fra fatica e sacrificio? Che la dottrina dei saggi guerrieri cinesi ed artisti degli stratagemmi ci suggerisca che per far entrare il pieno si deve creare il vuoto? Può essere veramente come quanto scritto qui sopra. Noi principalmente ci divertiamo ed alcune volte si vince pur ammettendo  che il vero valore del risultato non si debba leggere unicamente nel conteggiare il venale computo del numero delle vittorie. Sarebbe un errore! Si cresce, si matura, si commettono errori e si acquisisce esperienza per il futuro, da e anche da non corridore. La vita è una gara? La vita del business è una competizione? Bene, vediamola anche sotto un altro aspetto, ovvero: La gara é vita. Vi é un inizio, uno svolgimento, una fine e una riga da tirare per poi valutare il tutto. Intanto, il successo ed il suo contrario è formazione, prossima alla maieutica.

Per ogni corridore, dirigente, genitore, allenatore, coach, accompagnatore, tutti ci mettono volontà e dedizione. Non si campa certo con tale volontà e dedizione ma, molto di più, ci fa vivere grazie alle emozioni che estrapoliamo dai nostri “raga”. Ce le regalano ad ogni colpo di pedale ed a volte scende qualche lacrima di gioia, anche di dolore, un’emozione positiva si miscela con una negativa così da mantenerci in perfetto equilibrio.

Puoi rivivere esperienze incontrando persone alle quali hai dispensato consigli, hai conferito fiducia e hai dedicato tempo e quando le incontri, in quel preciso momento, ti portano in dote il regalo di una nuova emozione, di un nuovo successo, di coincidenze superiori ad ogni logica. Puoi rivivere le loro prestazioni e ti illuminano affinché tu possa emularli nella tua prestazione sportiva.

Altura; per qualche metro in più.

Alcune rapide nozioni inerenti i ritiri in quota. (Rif.: R. Pezzoli e Gregoire Millet)

In quota abbiamo meno ossigeno, nella misura del 10% ogni 1000 metri, dai 1500m in su.

Polmoni, membrana, muscoli, mitocondri, cuore. Non tutti gli organi sono allenabili! Lo Spirotiger sollecita i polmoni.

Le situazioni di stazionamento:

Vivi giù-allenati giù (LLTL) usuale.

Vivi giù-allenati su (LLTH) non ok!

Vivi su-allenati su (LHTH) anche per chi ha competizioni in quota.

Sonno e recupero sono di minor qualità.

Stimola l’aumento di globuli rossi, incremento di eritropoietina endogena, migliora la VO2Max, incrementa emoglobina.

Sprint di 10” e recupero di 20” fino ad esaurimento (circa 8) se mi esercito in quota miglioro del 7% e posso ampliare il nr degli sprint, quindi ho maggiore capacità di farne di più.

Effetto aggiuntivo in permanenza ininterrotta a 2200-2500m:

1.a settimana = +1%

3.a settimana = +4%

4.a settimana = +7%

Se scendo per qualche ragione e resto in basso oltre le 15 h, l’effetto si annulla.

Quando scendere?

a. Competizione dopo 2-4 giorni è ideale

b. Negativo dopo 5-12/15 giorni poiché si consuma più energia

c. Dopo 15-21 giorni è buono, fare di riequilibrio

d. L’effetto scompare dopo 30-35 giorni

 

Vivi su-allena giù (LHTL) nessun vantaggio! Tuttavia l’allenamento reale à comunque migliore di restare in camera ipobarica.

Post infortunio: la permanenza in quota a 3400m accelera il recupero.

 

 

IL LOCALE a Sondrio, ovvero l’accoglienza come base per il successo.

Se vi capita di transitare da Sondrio ed avvertire quella leggera voglia di un pasto tipico o altro che possa soddisfare l’appetito, non esitate a reperire un posteggio, percorrere qualche passo che vi conduca in Piazza Garibaldi, centralissimo punto di riferimento del capoluogo valtellinese per poi recarvi in via Ferrari. Ristorante Pizzeria ma anche wine bar. IL LOCALE è li vicino ad accogliervi in un ambiente particolare ma dall’atmosfera coinvolgente. Gerenza e collaboratori sempre gentili sono pronti ad assecondare ogni vostro desiderio culinario.

img_3559 img_3561 img_3562

Tartufo bianco di Alba

Alba – Bianco, profumato, costoso e indimenticabile. Cosa ci spinge a provare un menù a base di “Tuber magnatum”? Forse il poter poi raccontare l’esperienza e scriverne qualche riga. Forse anche avere il coraggio di vivere istanti piacevoli e dedicati ad alimenti accuratamente preparati per ingolosirci. Tant’è! La nostra visita ad Alba, seppur di un sol giorno, ci ha colmati la curiosità e anche la pancia.

img_3444 img_3445

Al Ristorante Savona si apprezza l’atmosfera e la professionalità con la quale ci dedica al cliente, il tartufo bianco maturato nei pressi di pioppi delle Langhe fa bella scena e ci accompagna per tutti i vari piatti del menù che abbiamo scelto. Ma acquisiamo anche informazioni, ad esempio, siccome è un fungo potrebbe esserci il sospetto che ve ne siano anche di velenosi, cosi non è! Ma poche specie sono commestibili e quello dell’albese rende sublime l’uovo all’occhio di bue img_3450

img_3449 img_3450

e anche i taglierini preparati come si raccomanda da queste parti ovvero con i 30 tuorli d’uovo per ogni chilo di farina. È afrodisiaco? Napoleone Bonaparte affermava di si con garanzia di risultato. Odore insopportabile? Per Isabel Allende l’odore ricorda l’aglio e il sudore che ristagna nei vagoni della metropolitana di New York. È buono? Come detto, per  è noi sublime.

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑